Vuoi Sposarti in un’altra diocesi? Ecco come fare

sposi chiesa

Pensate di sposarvi in una diocesi diversa dalla vostra perchè siete particolarmente affezionati ad un’altra chiesa in particolare? Molte coppie hanno dei legami affettivi nei confronti di una struttura in particolare, quindi sappiate che secondo una norma presente nel Decreto Generale sul Matrimonio Canonico vi è la possibilità di sposarsi in altra diocesi per celebrare il matrimonio, e precisamente, nel punto 23 si può leggere:

“La parrocchia della celebrazione delle nozze è di norma quella nella quale i nubendi sono inseriti a norma del canone 1115.

Per motivi di necessità o di convenienza pastorale il matrimonio potrà essere celebrato in altre parrocchie. In questo caso il parroco, che ha svolto l’istruttoria matrimoniale, dia licenza all’altro parroco trasmettendo soltanto l’attestato riassuntivo dei documenti necessari e il nulla osta rilasciato dal comune.
Se è destinato a un parroco di altra diocesi, l’attestato riassuntivo sarà vidimato dalla cancelleria della curia diocesana di provenienza.

Nell’ambito della stessa diocesi questa vidimazione è necessaria soltanto se le disposizioni del diritto particolare la prevedono.
Non si tralasci, in ogni caso, di dare al parroco nella cui parrocchia si celebrerà il matrimonio sufficienti e chiare indicazioni, affinché possa notificare l’avvenuta celebrazione del matrimonio al parroco che ha dato la licenza e a quello della parrocchia di battesimo degli sposi, quando fosse diversa da quella in cui è stata istruita la pratica.”Chiesa matrimonio

Possiamo quindi affermare che c’è la possibilità di sposarsi in una diocesi diversa da quella di appartenenza, ma ora andremo a vedere nel dettaglio come fare.

  • Prima di ogni altra cosa dovrete rivolgervi al parroco della vostra diocesi chiedendogli la possibilità di sposarvi un un’altra chiesa, spiegargli i motivi che vi spingono a presentare questa richiesta. Dopodiché lo stesso parroco che ha eseguito l’istruttoria matrimoniale, dovrà inviare la licenza presso la Curia della vostra diocesi affinché sia vidimato dalla cancelleria.
  • Inoltre tra le varie documentazioni da inviare, è necessario includere anche la Posizione Matrimoniale Mod. 1 (contenente le vostre generalità). Altro documento da inviare è lo Stato dei Documenti Mod. XIV, dove troverete oltre alle generalità anche le informazioni attinenti le pubblicazioni, le licenze, la diocesi scelta per celebrare il matrimonio e il nulla osta rilasciato dalla Curia.
  • Vi consigliamo dati i lunghi tempi burocratici di muovermi prima possibile per non rischiare di ritrovarvi in affanno a pochi giorni dalle nozze. La tariffa da pagare inoltre varia di parrocchia in parrocchia.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un tuo commento:

Ricerca per: