The unplugged wedding – il matrimonio senza smartphone

unplugged wedding

Avete mai sentito parlare di “unplugged wedding”? Letteralmente significa “matrimonio scollegato”, ma nello specifico parliamo di un matrimonio che limiti o elimini del tutto l’utilizzo di smartphone e social media per la condivisione di foto, video e post durante l’evento stesso.
Questa tendenza sta nascendo in un’ottica “bio”, che non tratti solo del cibo, del vino e dell’ecologia in quanto tale, bensì di un ritorno ad una bio-socialità che non contempli quel tipo di connesione interpersonale, privilegiando altresì quella reale e concreta fatta di sguardi, parole, gesti e tanta convivialità. Un evento come il matrimonio si presta molto a questo tipo di soluzione, in quanto gli invitati stessi, seppur inizialmente possano vedere come una limitazione questa “imposizione”, si ritroveranno a godere del matrimonio in maniera più umana, profonda e divertita.
Non c’è cosa più triste di vedere nell’album di un matrimonio 2.0 tavoli interi di più o meno giovani invitati intenti ad usare il proprio telefonino piuttosto che a parlare con i propri commensali.

Se esistesse un upgrade, un aggiornamento del “Galateo overo de’ costumi” di Monsignor della Casa sicuramente il matrimonio scollegato sarebbe uno dei principi fondamentali per mantenere un certo bon ton ed elevare la socialità ad uno stadio superiore, che non dipenda dalla ricezione in 4G o dal wi-fi.

In un mondo dove condividere le nostre esperienze in tempo reale attraverso Facebook, Twitter, Instagram e Snapchat è diventato normale, l’uso degli smartphone per fotografare momenti salienti delle nozze non solo può diventare spiacevole in termini di controllo delle foto che verranno pubblicate sui vari social (e come sapere, una volta online sarebbe pressoché impossibile rimuoverle), ma può diventare anche un problema non da poco per il fotografo di matrimonio, che potrebbe perdere uno scatto importante a casa della troppa invadenza di qualche invitato nel suo attimo di esaltazione fotografica.

Qualora il concept dell’unplugged wedding sia di vostro gradimento rimarrà solo uno scoglio da superare, ovvero la modalità di comunicazione di questa decisione ai vostri invitati.

Le possibilità sono diverse, eccone alcune:

  • si può citare la regola di non-phone o del matrimonio scollegato inserendo una frase o un cartello del tipo “divieto di smartphone” in modo giocoso, direttamente nella vostra partecipazione, garantendovi che tutti abbiano compreso la natura della vostra richiesta, prima delle nozze;
  •  in alternativa, è possibile parlare con chi officerà la cerimonia e far chiedere agli invitati di non scattare foto e di mettere via i telefonini, specie durante la cerimonia;
  •  nella location potrete posizionare dei cartelli in linea con il tema e lo stile dell’evento e riportare i principi dell’unplugged wedding nel menù.
  •  la soluzione estrema, ma che sconsigliamo per non mettere troppo a disagio gli invitati (negli USA in realtà è molto in voga) è quella di prevedere un cesto o un grande contenitore all’ingresso, dove far lasciare i vari telefonini agli opsiti, per poi riconsegnarli alla fine dell’evento.

Il nostro consiglio è quello di privilegiare modalità simpatiche per indurre gli invitati stessi a sentirsi coinvolti in questa scelta ed a voler sperimentare, almeno per un giorno, qualcosa che ora come ora ci sembra impossibile da poter attuare, tanto siamo diventati dipendenti da queste appendici elettroniche e multimediali.

Un matrimonio senza social e senza fotografie vi darà la possibilità di vedere tavoli in cui si tornerà a parlare e dialogare in maniera pura ed umana, ma soprattutto vi vedrà protagonisti di una scelta che siamo certi verrà ricordata da tutti gli ospiti.

Per quanto riguarda le foto, fidatevi… quelle del vostro fotografo di fiducia basteranno e poi sarete voi a decidere di condividerle anche tramite social, magari taggando dopo il matrimonio gli invitati e potendo far loro un gradito regalo.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un tuo commento:

Ricerca per: